UNA LETTERA DI SAVERIO PASTOR AL GAZZETTINO

Standard

(Dal Gazzettino di Venezia del 15.11.2012)

Lettera aperta al
SIG. SINDACO COMUNE DI VENEZIA GIORGIO ORSONI

A CASTELLO, DORSODURO E GIUDECCA L’ACQUA E’ ARRIVATA A 155 cm GRAZIE A COSTA.
Alle 9:15 di domenica 11 l’acqua alta si era fermata lambendo solo marginalmente l’ingresso del mio laboratorio. L’ho vista recedere velocemente e ho iniziato a spazzare fuori quella entrata; in breve però il livello è prepotentemente salito immergendo metà bottega. Sembrava lo stesso fenomeno che avviene al passaggio di una grande nave in Canal della Giudecca, distante 3/400 metri dal mio laboratorio. Il problema è che era proprio, incredibilmente, passata una grande nave della Costa Crociere portando così il livello di marea, ufficialmente fermatosi a 149 cm slm, a 153/155 cm. Nel mio caso questa differenza equivale ad avere o no il danno: ho il pavimento a 150 cm. Chi devo ringraziare per l’umidità e il salso che permarrà nel mio ambiente di lavoro per le prossime settimane? Passando dal particolare al generale: chiedo se non esiste una norma che vieta la navigazione con acqua superiore ai 120 cm? Non esiste un divieto all’ingresso in Porto con venti superiori ai 30 nodi? Chiedo al presidente del Comitato Pro Crociere Massimo Bernardo di mantenere, soprattutto in momenti di disagio diffuso come quello vissuto domenica da tutti noi, un basso profilo e di non provocare esacerbando una situazione già tesa. Nessuna delle “attività legate alle crociere” può giustificare lo sfregio alla città da esse perpetrato e che domenica ha raggiunto un apice inaccettabile. I danni alla salute dei cittadini, ai monumenti e agli edifici cittadini, all’ambiente lagunare, provocati dal passaggio delle grandi navi sono palesi anche se irresponsabilmente contestati nei numeri da alcuni; domenica si è incontestabilmente passato ogni limite. Chiedo ai gestori del Porto di impedire il ripetersi di simili, gravi, episodi. Chiedo a lei, signor Sindaco, di farsi interprete e portavoce di questo sentire, condiviso da gran parte dei veneziani, presso le Autorità e le Amministrazioni responsabili.

Saverio Pastor
Artigiano, Remèr in dorso duro

Annunci

Una risposta »

  1. Sono numerosissime le segnalazioni da molti parte del mondo avvenute dal 1800 ad oggi circa fiocchi di neve giganti, tant’è vero che c’è addirittura una menzione nel Guinness dei Primati (vi è riportato che i fiocchi di neve più grandi mai visti dovrebbero essere quelli caduti nel gennaio 1887 a Fort Keogh, nel Montana -USA-, il cui diametro dovrebbe essere stato addirittura di 38 cm, anche se non c’è alcuna prova tangibile del fenomeno!). Diciamo pure che in base alle leggi della fisica non vi sono restrizioni particolari in relazione alle dimensioni di un fiocco di neve: certo, ci debbono verificare situazioni meteo particolari come venti leggeri (per evitare che questi distruggano il fiocco) e temperature di poco sopra il punto di congelamento (che così rende i fiocchi appiccicosi ed umidi), ma non è così infrequente, anzi secondo alcuni studiosi si tratta di fenomeni che durante l’inverno si verificherebbero (pur in piccola scala) quotidianamente in tutta Europa e lungo le coste settentrionali del Nord America e dell’Asia! William S. Pike, osservatore britannico della Royal Meteorological Society, ha trovato undici resoconti di episodi simili di cui non si aveva notizia: si trattava di osservatori del tutto attendibili che in più occasioni avevano assistito a cadute di fiocchi di neve giganti con diametro compreso tra 5 e 15 cm!!! Ora, per studiare meglio il fenomeno e per dare una certezza a questa “leggenda”, la NASA (sì, proprio lei…) lancerà nel 2013 un primo satellite per analizzare il fenomeno: costo dell’operazione 1 miliardo di dollari! Io capisco la curiosità, ma ne vale la pena sostenere una spesa simile per studiare dei casti fiocchi di neve che, grandi o piccoli che siano, sono sempre caduti e sempre cadranno avvolti nel loro magico mistero?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...