LUCIANO MAZZOLIN SU ECO-MAGAZINE

Standard

nonavi9613 055

Da http://www.eco-magazine.info/grandi-navi/4019/luciano-mazzolin-non-ci-sono-soluzioni-alternative-allavanporto-al-lido.html

Luciano Mazzolin è uno storico portavoce dell’associazione AmbienteVenezia e aderente al Comitato NO GrandiNavi -Laguna BeneComune

Domanda.
Grandi Navi e laguna, sono due cose assolutamente incompatibili?

Risposta.
Sì, senza dubbio alcuno!

D. Con una ipotetica chiusura della marittima, i lavoratori e le Compagnie di navigazione temono ricadute occupazionali nel settore crociere. Che ne pensi?

R. Se si chiude l’accesso della marittima alle Grandi Navi e si costruisce un avanporto per il crocierismo in Bocca di Porto del Lido il numero complessivo dei lavoratori occupati aumenterebbe sicuramente.

D. Salvaguardare occupazione e ambiente insieme. E’ possibile?

R. Certo che è possibile ci sono molte cose da fare! Ma è possibilissimo!

D. Lo scavo del Contorta e il dirottamento delle Grandi Navi lungo il canale dei Petroli potrebbe rivelarsi una soluzione accettabile entro determinate condizioni?

R. Assolutamente non va bene e non è accettabile a nessuna condizione!

D. Un porto offshore come nel progetto De Piccoli potrebbe essere una risposta o semplicemente scarica il problema sul Cavallino?

R. E’ una buonissima soluzione la localizzazione dell’avanporto nella bocca di porto del Lido (come previsto non solo dal progetto De Piccoli, ma anche dai progetti presentati da Luciano Claut , da Boato- Giacomini-Vittadini, da Gianni Fabbri, dall’albergatore veneziano Beggiato). Non si scarica assolutamente nessun impatto ambientale supplementare all’attuale sul Cavallino se si fanno tutte le cose previste negli ultimi aggiornamenti dei progetti e se si introducono ulteriori cautele e modifiche migliorative.

D. In caso contrario, dove potrebbero ormeggiare le Grandi Navi?

R. Non ci sono altre soluzioni alternative che possono garantire ambiente lagunare e occupazione se non l’avanporto in bocca di porto del Lido. Se si vuole penalizzare coscientemente l’occupazione (soluzione che non condivido) si possono depistare su Trieste

D. Che ne pensi della soluzione porto Marghera?

R. La soluzione non mi convince assolutamente! Ci sono moltissimi lati negativi per laguna e ambiente. Ad esempio, l’allargamento obbligatorio del canale dei petroli, spostamento dei molti problemi ambientali dalla Marittima a Porto Marghera… Si favoriscono inoltre alcuni progetti speculativi sulle aree interessate dai progetti di Alessio Vianello. Non si capisce come rendere compatibile il crocierismo e i crocieristi con un’area ancora soggetta alla direttiva Seveso e successive leggi sui grandi rischi industriali…

D. Come giudichi le politiche delle diverse istituzioni, ad ogni livello, comunale, regionale e nazionale?

R. Sulla vicenda portualità e Grandi Navi, del tutto insufficienti, ondivaghe e poco chiare… si gioca con i cittadini alle tre scatolette… Sono rarissime e purtroppo in via di totale estinzione le persone che dall’interno dei vari livelli istituzionali lavorano seriamente e in continuo contatto con i cittadini e i movimenti.

D. Che futuro sogni per la laguna di Venezia?

R. Lo abbiamo scritto in maniera sintetica e distribuito molte volte e non lo ripeto. Trovate tutto sul documento di AmbienteVenezia “Ecco la città ed il territorio che vogliamo”

Annunci

Una risposta »

  1. caro Luciano vorrei ringraziarti per la lotta che stai combattendo a difesa della nostra laguna, lotta che ci accomuna , colgo l”occasione per segnalarti è possibile cancellare 161,70 ah di laguna non per motivi di bene comune ma solo per soddisfare i capricci di qualche ricco signore al di sopra di tutte le leggi ,pagando la misera somma di€ 1670,00 (milleseicentosettanta) annui per una concezione avuta dal magistrato delle acque concezione che cambia nome in continuazione.
    da qualche anno à cominciato chiudendo l”area costruendo un argine cancellando canali à portato all”interno migliaia e migliaia di mq di terra ghiaia e pietre, dove cera specchi d”acqua e barene ora ci sono centinaia di alberi e molte piante da frutto,si e costruito una bellissima baita e à liberato numerosissimi animali da cortile, 161,00 ah di laguna sta diventando una azienda agricola senza conperarla , dove noi portavamo con la bici lungo gli argini demaniali i nostri bambini far conoscere la conformazione della laguna ad educarli al rispetto e al dovere di custodirla perché è un bene comune(,DOVREBBE ESSERE UN BENE COMUNE ) beni ambientali interpellati non sano niente quando noi dobbiamo solo modificare qualche finestra dobbiamo inchinarsi per avere l”ok.
    tutto questo è documentato copie mape prima degli abusi .
    VALE CA ZANE PORTEGRANDI QUARTO D”ALTINO si può raggiungere anche con l”auto conca di Portegrandi proseguire lungo argine destro x un km.
    sono disponibile ad accompagnarti per un sopra luogo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...